© RIPRODUZIONE RISERVATA

Connect with us

Il Pagellone del Gando

Il pagellone del Gando: oltre al Parma non vince nessuno, Casisa salva il Fidenza, Medesanese flop

Il pagellone del Gando: oltre al Parma non vince nessuno, Casisa salva il Fidenza, Medesanese flop

Insieme alla ripresa dei campionati dilettantistici torna anche l'appuntamento del lunedì con "il pagellone del Gando", una delle rubriche più seguite di Sportparma.com. Come ogni lunedì un'analisi, in chiave anche ironica, sui protagonisti, nel bene e nel male, della domenica sui campi da calcio della provincia. Oggi fari puntati solo su Serie D, Eccellenza e Promozione, i nattesa della ripresa degli altri tornei, con, vista la penuria di buoni risultati, una "special guest" sul gradino più alto del podio.

PROMOSSI

Parma Fc: 7,5
Si, è vero, il Parma non ha nulla a che vedere con questa rubrica, e difficilmente ne tornerà protagonista. Ma i crociati sono la prima e finora unica squadra tra città e provincia ad aver vinto una partita di calcio in questo avvio di 2012. Ieri qualche pareggio e tante sconfitte nei dilettanti, l’unica nota veramente positiva è l’ottimo esordio di Roberto Donadoni, che ha cambiato modulo alla squadra trovando tre gol, tre punti e una buonissima prestazione contro il Siena. Buona la prima per l’ex ct della nazionale.

Giuseppe Casisa: 6,5
(Centrocampista Fidenza)
Non ha giocatop bene, va detto, e non è ancora il faro del Fidenza che si augurano diventi società e mister Mantelli, ma è innegabile che la sua rete ieri sia stata pesantissima. Nel momento più cupo del match, con il 2-1 appena subito, la sua zampata ha salvato il risultato e consegnato ai borghigiani (che poi hanno pure rischiato di vincere) un pareggio fondamentale per giocarsi fiduciosi la salvezza in questo girone di ritorno. Prima o poi girerà…

Traversetolo: 6
L’ultimo posto è ancora una triste realtà, ma la squadra di Beretti se non altro dimostra di essere viva, e vogliosa di dimostrare che la retorcessione non è una cosa già certa. Sul campo della Fidentina ha rischiato seriamente di fare il colpaccio della domenica. La coppia Cantini-Aracri ha buone potenzialità, può dare soddisfazioni a mister Beretti.

BOCCIATI

Crociati Noceto: 5,5
Puniti da un gollonzo che si vede di rado anche nella gare tra scapoli ammogliati in stile fantozziano, i Nocetani dopo la prima di ritorno si trovano a 10 punti dalla capolista e 7 dalle seconde, con ben otto squadre davanti, all’ultimo posto della parte sinistra. Salvo miracoli il campionato di Eccellenza ha già perso una protagonista molto attesa.

Monticelli: 5,5
Va bene che il San Felice è in forma e che mancavano elementi importantissimi, mma se si perde 2-0 e il migliore in campo è il tuo portiere non è un bel segno. Una grossa occasione persa.

Salsomaggiore: 5
Scontro diretto importante, che poteva avvicinare la squadra, con un successo, alla parte sinistra della classifica. Invece i termali hanno impensierito poco il Real Panaro, regalando due gol. E domenica contro il Monticelli mister Piccinini dovrà inventarsi la difesa. Oltre al danno, la beffa dell’infortunio occorso a Cardillo.

Medesanese: 4
Quattro è un voto pesante per una partita storta, va detto. Ma è lo stesso numero di gare e di sconfitte per i parmensi in Promozione contro il Fontana Audax, che, oltre alla doppietta alla Medesanese in questa stagione ha vinto solo una gara. Sportivamente Ghillani l’ha anche ammesso nel dopo partita alla Gazzetta di Parma “non siamo in grado di fermare Dattaro (autore di una doppietta ndr)”. Forse la società dovrebbe valutare l’ipotesi di ingaggiarlo l’anno prossimo, l’attaccante dei piacentini…

CURIOSITA’

Langhiranese: è finita l’imbattibilità
E’ caduta nella prima di ritorno dopo 18 partite utili in campionato (più quattro di coppa) l’imbattibilità stagionale della Langhiranese, sconfitta 2-1 dal Lentigione. Una sconfitta che allontana i parmensi dalle prime tre in classifica, e che fa male.

Un valzer di portieri senza sosta per la Fidentina
Cocconi, Mercati, Campominosi, Bersellini, Spanu, Rizzolini, Branchetti e Fornari: otto diversi estremi difensori di età compresa tra i 19 e i 27 anni si sono alternati in un anno e mezzo a difendere la porta della Fidentina. I primi cinque la passata stagione, gli ultimi quattro (Spanu ha anche iniziato questo campionato) in questa mezza: tra infortuni e scelte di vita ognuno di loro, ad eccezione dell’ultimo arrivato Fornari (ieri l’esordio, con i dirigenti granata con le mani nel luogo dove vanno messe in queste situazioni), ha avuto qualcosa… se non è un record poco ci manca, una maledizione è probabile lo sia.

Commenti
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Il Pagellone del Gando