Entra in contatto:

Rugby

Super 10: il grande cuore premia la Rugby Parma. Petrarca battuto

Super 10: il grande cuore premia la Rugby Parma. Petrarca battuto

Dal 13-0 della mezzora al 16-22 del 15à‚° della ripresa, poi la grande reazione ed il Petrarca deve inchinarsi.

La Rugby Parma si porta a casa la terza vittoria in nove giorni e continua a rimanere a stretto contatto con la Benetton Treviso. E’ stata una partita combattuta, emozionante ma non bella. Povera di continuità d’azione, rare le multifase, e con un Petrarca che ha usato molto piede ed una sola volta ha aperto il gioco ad utilizzare tutto il campo (30’ del primo tempo). Menzione particolare per Costantino Ricciardi, 19enne prodotto del vivaio petrarchino che ha sorpreso due volte i gialloblù (già sei mete in campionato) e per poco autore di una terza meta; gran fisico, velocità, abilità di corsa: Mallett potrebbe cominciare a buttare un occhio. La Rugby Parma ha fatto un gran lavoro con il pacchetto: Vosawai, Soffredini e Lewaravu hanno portato parecchi palloni e guadagnato terreno. Poco servite le ali ed i centri, il solito Thrower ad attaccare gli spazi (quarta meta in campionato). I gialloblù hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo una volta andati sotto nel punteggio: grande cuore e determinazione hanno portato prima alla meta del nuovo vantaggio e negli ultimi secondi a non far guadagnare terreno agli avversari a metà campo riuscendo addirittura a rubar palla. Un’altra iniezione di fiducia in vista dell’imminente trasferta romena in Amlin Challenge Cup.

Le curiosità
Irving col caschetto. Aldo Ghidini, padre dell’ex presidente Andrea, si è calato nella veste di “capo claque” facendo partire i cori a favore dei gialloblù: “Non è proibito, potete urlare” ha detto ad un certo punto. Diversi “ex” in tribuna: dai due freschi ex presidenti fianco a fianco, Bersellini e Lorigiola, a Franco Pavan, sempre presente per via dei figli, a Massimo Zaghini e Andrea Cavinato, a cui lo spettacolo non è affatto piaciuto.

Le fasi salienti
Pronti via ed il primo pallone giunto a Mercier viene calciato, male perché finisce in zona morta. Il piede è contagioso ed in rapida successione si cimentano pure Padrò, stoppato, e Vosawai.
15’meta Parma. Irving, nei pressi della propria linea dei dieci metri, supera la prima linea di difesa con un calcetto sul quale si fionda Thrower che arpiona con la punta delle dita l’ovale, fa una finta e va indisturbato in meta.
25’. Patelli batte velocemente una punizione a metà campo sorprendendo gli avversari, prosegue verso i pali mettendo fuori causa un avversario con un finta di passaggio e giunto sui ventidue ne fa un’altra ma questa volta il placcaggio riesce: avesse aperto prima, magari con un calcetto, avrebbe sfruttato la superiorità al largo per meta sicura.
35’meta Petrarca. Da mischia ordinata il pallone viene mosso dalla chiusa su Ricciardi che con un grubber elude Mariani e va in meta con una tremenda progressione di una trentina di metri.
Ripresa
5’meta Petrarca. Touche vinta da Padova nei ventidue d’attacco e conseguente maul che arriva fino ai cinque metri, il pallone esce per Ricciardi che arriva come un tir e trova il varco: inutile provare a fermarlo.
10’. Ricciardi si fa sessanta metri di corsa lungo l’out lasciando sul posto tutti anche con l’aiuto di una finta che gli consente di tagliare verso l’interno ed una volta giunto sui ventidue viene placcato da Iannone che non lo lascia e si prende il giallo. Mercier trasforma il piazzato del +1 Padova.
13’. Parma attacca, Faggiotto ferma un passaggio con una mano malandrina: ci starebbe il giallo per avanti volontario ma Pennè fischia un “semplice” in avanti.
15’ meta Petrarca. Padova è nei pressi della meta, non sfonda con Padrò ma c’è un vantaggio ed è Gatto che lo sfrutta col raccogli e vai.
20’. Chillon placca Pavan alle gambe mentre questi si sta girando, lo solleva e lo porta a terra seppur in modo non violento: il suo giallo coincide col rientro di Iannone.
30’ meta Parma. Thrower va con un up and under, saltano in tre, il pallone sembra essere toccato da un gialloblù, nel caso sarebbe in avanti, se ne impossessa Pavan che giunto nei ventidue dà al sostegno interno di Iannone che non ha più nessuno davanti a sé.
38’. Leggerezza di Thrower che nei ventidue difensivi prova a buggerare due patavini con un lob restandone lui stesso buggerato; Padova recupera palla ma fortunatamente l’azione non si sviluppa.

Il tabellino

Rugby Parma Fc – Petrarca Padova 24 – 22 (pt 16 -7)
Marcatori: Pt 7’cp Irving, 15’m Thrower tr Irving, 31’cp Irving, 35’m Ricciardi tr Mercier, 42’cp Irving St 5’m Ricciardi tr Mercier, 11’cp Mercier, 15’ mnt Gatto, 22’cp Irving, 30’mnt Iannone
Rugby Parma. Thrower; Robuschi (16’st Quartaroli), R.Pavan, Iannone, Mariani; Irving, Patelli; Vosawai, Minto, Soffredini (8’st Mannato); Lewaravu (36’st Vallejos Cinalli), Mandelli; Nebbett (6’st Romano), Giazzon, Coletti (23’st Pompa). Ne: Bricoli, Fiorani, Fontana
Petrarca. Acuna; Faggiotto, Bertetti, Ale. Chillon (32’st Ambrosio), Ricciardi; Mercier, Leonardi; Padrò, Derbyshire, Ansell (27’st Bezzati); Cavalieri, Fletcher; Chistolini, Gatto, Costa Repetto. Ne: Caporello, Marchetto, Borgato, Billot, Filippini, Sclosa
Arbitro: Sig. Pennè (Milano)
Note. Giallo a Iannone (10’st), Chillon (20’st). Calci Irving cp 4/6-tr 1/2, Mercier cp 1/3-tr 2/3. Drop Mercier 0/1. Spettatori 700 ca
Man of the match: Ricciardi (Petrarca)
Punti conquistati in classifica: R.Parma 4, Petrarca 1

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby