Entra in contatto:

Rugby

Contro i Centurioni arriva la prima sconfitta della Rugby Parma

Foto: Sicuri

Contro i Centurioni arriva la prima sconfitta della Rugby Parma

Arriva la prima sconfitta per la matricola Rugby Parma guidata da Robert Du Preez e Marco Frati, ma, al contempo, arriva la conferma che tra le prime della classe un posto per la matricola gialloblù c’è.

Su un campo difficile come quello dei Centurioni, al cospetto della seconda forza del campionato, Borsi e compagni, in formazione rimaneggiata, conducono nel punteggio per gran parte della partita ed è solo nel finale, con il minimo degli scarti, che devono issare bandiera bianca. Meta fulminea, dopo nemmeno un minuto di gioco, per i bresciani che ricevono il calcio di inizio e si involano sulla sinistra attraversando la difesa ospite quasi senza opposizione. Pronta la riscossa dei gialloblù che ribattono al 4′ con Ruaro che buca la difesa con un pallone di recupero dopo un errore della retroguardia di casa messa sotto grande pressione. Replicano i Centurioni con un calcio da posizione comoda per il nuovo momentaneo sorpasso 8-5. Il tentativo di ribattere da parte di Gennari dai 38 metri non riesce. Ci pensa Mattia Modoni a riportare avanti i suoi al termine di una lunga azione alla mano per l’8-14 con cui si va al riposo.

Al 10′ della ripresa un piazzato centrale dei padroni di casa porta il punteggio sull’11-14. I rossoblù cercano il pareggio tre minuti dopo, ma il calcio dalla metà campo non è preciso, mentre entra tra i pali una nuova punizione al 16′ che porta i padroni di casa al pareggio 14-14. Ma al 22′ e al 24′ Gennari, sempre dalla piazzola, allunga sul 14-20. La mischia gialloblù, che fino alla metà della ripresa aveva dominato quella avversaria, incassando anche varie punizioni, cala d’intensità e anche le rimesse laterali diventano meno efficaci. Al 37′, dopo una serie di mischie sotto ai pali, i padroni di casa trovano il varco e vanno a segnare i 7 punti che valgono il sorpasso. Infruttuoso purtroppo l’arrembaggio finale dei parmigiani a cui non riescono due touche all’interno dei 22 lombardi. Nel corso dell’ultima azione, con la palla della vittoria sul piede di Gennari, non riesce il drop da posizione difficile. E’ la seconda volta, dopo la partita interna con il VII Torino terminata con un pareggio, che la vittoria sfugge di mano nei secondi finali: forse, lo scotto da pagare per una neopromossa in un campionato molto difficile dove ovviamente nessuno regala niente, ma anche il segno della qualità della squadra, in grado di giocarsela con chiunque.

Domenica prossima la Rugby Parma torna a giocare in casa per un altro scontro al vertice, contro il Cus Milano che nell’incontro interno di ieri ha battuto la Pro Recco 45-10 portandosi a un solo punto di distacco dal primo XV gialloblù, ma con all’attivo una partita in più. 


I Centurioni Rugby vs Rugby Parma FC 1931 21-20 (8-14)

Marcatori: p.t. 1’ m Zaboni nt (5-0), 4’ m Ruaro tr Gennari (5-7), 10’ cp Bronzini (8-7), 38’ m Modoni M. tr Gennari (8-14); s.t. 50’ cp Bronzini (11-14), 56’ cp Bronzini (14-14), 62’ cp Gennari (14-17), 64’ cp Gennari (14-20), 77’ m Suttor tr Bronzini (21-20)

Rugby Parma: Gennari; Marani (43’ Colla), Piccioli (57’ Frati), Pelagatti, Bianconcini; Silva (74’ Borges), Righi (v. cap., 60’ Modoni P.); Borsi (cap.), Ruaro, Modoni M.; Balsemin, Schianchi (60’ Calcagno); Fiume (48’ Calì), Bonofiglio (41’ Maggiore), Lanzano (71’ Zanetti). All. Frati, Du Preez.
I Centurioni Rugby: Parrino; Zaboni, Belotti, Russo, Villa (51’ Casini v. cap.); Bronzini, Del Valle (74’ Gazzoli); Zanatta (67’Armanino), Berardi (cap.), Suttor; Scheepers, Seye; Montilla, Bonanni (71’ Pilani), Saccà (52’ Corso). A disposizione: Buizza, Ospitalieri, Bugatti. All. Marchiori.
Arb. Dario Merli (AN).
Cartellini: /
Calciatori: Gennari (Rugby Parma) 4/6, Bronzini (Centurioni) 3/5.
Note: tempo variabile, circa 16°. Campo sintetico. Circa 400 spettatori presenti.
Punti conquistati in classifica: I Centurioni Rugby 4; Rugby Parma FC 1931 1.

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby

© RIPRODUZIONE RISERVATA