Connect with us

Rugby

Fischetti, dalle Zebre all’esordio Azzurro: «Emozioni e amarezza»

Fischetti, dalle Zebre all’esordio Azzurro: «Emozioni e amarezza»

Una giornata nuvolosa e temperatura fredda – con circa 5 gradi registrati – hanno fatto da sfondo ai primi allenamenti della Nazionale Italiana Rugby sul campo a Parigi in preparazione della seconda partita nel Guinness Six Nations 2020 in calendario nella capitale transalpina alle 16 di domenica 9 febbraio allo Stade de France, match che sarà trasmesso in diretta su DMAX, canale 52 del digitale terrestre.

Mattinata divisa tra campo e palestra, mentre nel pomeriggio allenamento collettivo allo Stade Jean Moulin di Parigi. Presente tutta la rosa al completo compreso Danilo Fischetti, uno dei due esordienti – insieme a Niccolò Cannone – nella gara di esordio contro il Galles: “Ho assaporato il primo raduno Azzurro a Chicago nel Test Match contro l’Irlanda – ha esordito il pilone in forza a Zebre e Italrugby – poi sono andato vicino all’esordio contro la Nuova Zelanda al Mondiale e sabato scorso finalmente sono riuscito a coronare il sogno che avevo da bambino. E’ stata una emozione grandissima entrare al Principality Stadium e sentire il calore del pubblico sin dall’inizio. Certo, non è andata come volevamo: è stato un mix di emozioni e amarezza. Ci servirà da lezione per le prossime partite”.

Un’attesa, quella del prepartita, condivisa con i familiari: “Il giorno prima ho sentito al telefono la mia famiglia. E’ stato bello sentire il loro sostegno, soprattutto quello di mio padre: tende sempre a tranquillizzarmi, a consigliarmi dove possibile. Ha giocato anche lui a rugby, anche se non per molto tempo, ma riesce sempre a trovare le parole giuste per me”.

Sull’ambiente Azzurro: “Ho trovato davvero un bel gruppo qui. Nonostante non fossimo insieme da tanto, c’è stato subito un grande affiatamento tra compagni e staff. Abbiamo tanta voglia di lavorare e imparare. L’esordio non è stato positivo, lo sappiamo bene. Ci sono comunque delle cose da salvare da cui possiamo ripartire e su cui possiamo lavorare”.

Con la maglia dell’Italrugby ha ritrovato alcuni compagni con cui ha raggiunto importanti traguardi con la Nazionale Italiana Under 20: “Essere entrati tra le prime otto squadre al mondo è stato un bel risultato. Ho ritrovato qui Riccioni, Licata, Zilocchi, Cannone con cui ho condiviso quelle emozioni. Personalmente il percorso di formazione che ho seguito in Accademia a Roma prima e poi nell’Accademia Nazionale – passando poi per l’Under 20 – mi ha aiutato molto nella mia crescita. E ritrovare qui alcuni giocatori che erano presenti con me in quella rosa, con tanti altri giovani prospetti interessanti, sta a significare che il lavoro svolto alla base è grande”.

Chiusura sul TOP12, altro tassello fondamentale nella sua formazione rugbistica: “Credo che sia una palestra importante per i rugbisti del futuro. Ho vinto anche il premio di MVP del campionato una stagione, un riconoscimento a livello personale importante arrivato dopo tanto lavoro insieme al mio club” ha concluso Fischetti.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement
Advertisement

Altro in Rugby

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br>Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br><br> Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi