Entra in contatto:

Rugby

Le Zebre sono rientrate a Parma, ora isolamento fiduciario

Le Zebre sono rientrate a Parma, ora isolamento fiduciario

Nella mattinata odierna le Zebre Rugby sono rientrate a Parma a conclusione della trasferta in Sudafrica intrapresa la scorsa settimana per disputare le due sfide internazionali contro DHL Stormers e Cell C Sharks valevoli per il 6° e 7° turno dello United Rugby Championship.

In seguito alla comunicazione di sabato scorso del posticipo delle due partite, il gruppo squadra della franchigia federale ha tempestivamente adottato le misure di sicurezza più opportune per scongiurare il rischio di contagio con la nuova variante “omicron”, la cui diffusione ha immediatamente indotto il Regno Unito e l’Unione Europea ad inserire il Sudafrica nella lista dei Paesi a rischio e il torneo a sospendere i due fine settimana di gioco nella Rainbow Nations.

Dopo aver osservato un periodo di isolamento volontario nel loro albergo di Città del Capo, i trenta giocatori e i tredici componenti dello staff che hanno preso parte alla trasferta sono potuti rientrare in sicurezza in Europa grazie ad un volo charter organizzato dallo United Rugby Championship in conformità alle disposizioni delle autorità governative e sanitarie competenti.

A partire dalla data odierna, i 43 componenti del gruppo squadra dovranno osservare un periodo di isolamento fiduciario, come richiesto dall’Ordinanza del 26 novembre del Ministero della Salute che disciplina l’ingresso e il transito per quanti abbiano soggiornato o transitato in Sudafrica nei quattordici giorni precedenti l’ingresso in Italia.
Il gruppo squadra osserverà il regime di isolamento fiduciario al CDH Hotel Villa Ducale di Parma.

“Zebre Rugby Club comunica che tutti i giocatori e i membri dello staff che hanno partecipato alla trasferta sono in stato di buona salute e sono risultati negativi ai test molecolari e antigenici ripetuti in questi giorni. La società ha attivato tutte le procedure previste ed informato le autorità sanitarie di riferimento, nel pieno rispetto delle normative vigenti”.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby