Entra in contatto:

Rugby

L’ex Zebre Padovani: «Avevo voglia di tornare a casa»

L’ex Zebre Padovani: «Avevo voglia di tornare a casa»

Edoardo Padovani, ex Zebre (oltre 50 presenze), è stato presentato ieri dal Benetton Treviso. Nella prossima stagione, infatti, il giocatore vestirà la maglia dei veneti. E per certi versi è un ritorno a casa. Ecco le sue parole al sito ufficiale del Benetton:

Edoardo, benarrivato. Quando è nata la trattativa per il tuo passaggio al Benetton Rugby?
La trattativa è nata verso febbraio, marzo e c’erano in ballo alcune cose. Però la voglia di tornare a casa si faceva sempre più forte e quindi ho deciso di tornare a casa a Treviso“.

Dopo vari scontri in cui hai affrontato i Leoni con la maglia delle Zebre, ora sarai dalla parte opposta. Che obiettivi ti sei prefissato per questa nuova avventura biancoverde?
Ovviamente è una cosa per me strana, vestire la maglia dei Leoni, perché comunque anche da piccolo con Mogliano giocavo contro Treviso e li ho sempre visti come avversari, quindi è un mix di emozioni strane, però è interessante e intrigante. Sono super contento, l’obiettivo prefissato è quello di poter puntare al titolo l’anno prossimo, perché il Benetton Rugby ha dimostrato in questi anni che può veramente competere contro tutte“.

Sei nato a Venezia e fino a sei anni fa militavi con il Mogliano Rugby. Possiamo dire che conosci bene la città di Treviso?
Treviso è una città che conosco bene. Sono nato a Venezia ma ho sempre vissuto a Mogliano, quindi negli anni ho sempre passato la vita in queste zone. Sono davvero contento di poter rappresentare la mia provincia, la mia città e non vedo l’ora di giocare a Monigo“.

Sei un estremo di ruolo, ma puoi ricoprire anche altri ruoli fra i trequarti. Puoi parlarci della tua versatilità tattica?
Sono partito come mediano di mischia in Under 18 e nei primi anni d’Accademia. Poi per due, tre anni ho giocato mediano di apertura, ruolo in cui sono arrivato alle Zebre. Dal secondo anno alle Zebre ho iniziato a giocare da estremo, il ruolo che prediligo. Però al Sei Nazioni mi è capitato di ricoprire il ruolo di ala quindi sono a disposizione nelle emergenze“.

Stai rientrando da un infortunio. Come procede il tuo recupero?
Sono stato operato all’anca sinistra a inizio marzo, sono stato molto fortunato perché è stato prima della pandemia, quindi prima della quarantena. Ho fatto un percorso di riabilitazione a casa e venivano a seguirmi anche i fisioterapisti del Benetton Rugby. Ora sono all’interno del gruppo di riabilitazione seguito da Giorgio Da Lozzo (preparatore fisico biancoverde responsabile dell’area RTP). Direi che il percorso di recupero sta andando molto bene e sono molto contento, speriamo di ritornare presto con la squadra“.

In Ghirada hai ritrovato diversi tuoi compagni della Nazionale, quindi conoscevi già una buona parte del gruppo?
Conosco già praticamente tutti, il clima qui è stupendo, mi trovo davvero bene. I ragazzi mi hanno accolto come fossi già uno di loro, quindi per questo sono veramente grato. Non è sicuramente stato facile passare dalle Zebre al Benetton Rugby, adesso sono contento e voglio allenarmi con i Leoni, non vedo l’ora“.

(Foto benettonrugby.it)

 

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby