Entra in contatto:

Rugby

Rivoluzione Zebre: da Mbandà a Palazzani, ben 12 addii

Rivoluzione Zebre: da Mbandà a Palazzani, ben 12 addii

Le Zebre voltano pagina e si preparano ad una nuova era. Una rivoluzione che farà “vittime” eccellenti perché proprio oggi la franchigia federale ha annunciato l’addio a fine stagione a 12 giocatori, tra queste alcune bandiere storiche.

La società Zebre Rugby Club – si legge in un comunicato – vuole salutare ufficialmente dodici atleti tesserati che, a partire dalla prossima stagione sportiva, non faranno più parte della rosa.
È l’Amministratore Unico della società Michele Dalai ad esprimere la massima gratitudine del club ai giocatori che, a partire dal prossimo 1 luglio, avranno concluso la loro esperienza con la maglia del XV del Nord Ovest: “Ognuno di questi giocatori ha onorato la maglia delle Zebre tutte le volte che l’ha indossata, di questo gli sono e gli saremo sempre grati”.

I giocatori che al termine della stagione 2021/22 lasceranno il club (tra parentesi ruolo, numero di stagioni e presenze ufficiali con le Zebre alla data odierna):

Eduardo Bello (pilone destro, 5 stagioni, 79 presenze, 10 punti)
Giulio Bisegni (centro, 8 stagioni, 118 presenze, 75 punti)
Massimo Ceciliani (tallonatore, 4 stagioni, 49 presenze)
Gabriele Di Giulio (ala, 6 stagioni, 48 presenze, 25 punti)
Oliviero Fabiani (tallonatore, 8 stagioni, 140 presenze, 35 punti)
Danilo Fischetti (pilone sinistro, 3 stagioni, 38 presenze)
Renato Giammarioli (terza linea, 5 stagioni, 72 presenze, 40 punti)
Andrea Lovotti (pilone sinistro, 8 stagioni, 116 presenze, 5 punti)
Maxime Mbandà (terza linea, 6 stagioni, 73 presenze, 25 punti)
Guglielmo Palazzani (mediano di mischia, 9 stagioni, 161 presenze, 100 punti)
Jimmy Tuivaiti (terza linea, 4 stagioni, 38 presenze, 25 punti)
Asaeli Tuivuaka (ala, 1 stagione, 9 presenze, 5 punti)

I dodici atleti saranno omaggiati sabato 30 aprile a margine della gara internazionale con in Gallesi Dragons alla Cittadella del Rugby di Parma dove potranno salutarsi col pubblico amico del Lanfranchi e ricevere tutto il calore, l’affetto e il sostegno dei tifosi e degli appassionati di rugby, compagni di mille battaglie sul prato dell’impianto domestico delle Zebre.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby