Entra in contatto:

Rugby

RUGBY: Parma avanti tutta. Al Colorno il derby di serie C

RUGBY: Parma avanti tutta. Al Colorno il derby di serie C

Un’ altra squillante vittoria per i gialloblù di “Ciccio” Frati e “Jimmy” Fontana che passano agevolmente sul campo dell’Imola Rugby con un punteggio finale (7-80) che lascia poco spazio alle analisi tecniche e tattiche. I ducali sono apparsi superiori in tutte le fasi del gioco, mentre i locali, peraltro mai rassegnati, si sono aggrappati al gioco chiuso e alle percussioni sull’asse, senza però ricavarne grandi soddisfazioni.

Apre le segnature, al 3′, l’ex di turno Bianconcini che si invola sull’out di destra. Tocca poi a capitan Borsi, spesso incontenibile nelle sue percussioni, segnare da maul dai 5 metri dopo una touche vinta, imitato poco dopo per ben due volte da Mattia Modoni che, con la quarta meta, fissa il punteggio sullo 0-26 con cui i gialloblù incassano il punto di bonus e chiudono la prima frazione di gioco. Prima del fischio però, il mediano di mischia di casa viene mandato in panca, punito con un cartellino giallo per un tocco in avanti volontario.

Alla ripresa, i gialloblù approfittano subito della superiorità numerica andando a segno con Righi Riva che raccoglie un offload di Borsi, autore dell’ennesimo buco centrale. I rossoblù sembrano alle corde, ma trovano la forza per confezionare un paio di belle giocate poi vanificate da errori di handling. Al 15′, al termine di un’azione multifase, Silva calcia per se stesso in area di meta e va a marcare. A 19′ tocca a Giangiacomo Slawitz raccogliere un offload di Righi Riva e segnare dopo una galoppata di 40 metri. Il tabellone indica 0-45 ma nel rugby, si sa, il rispetto dovuto agli avversari impone di continuare a giocare al meglio.

Così, ben lungi dal togliere il piede dall’acceleratore, i gialloblù vanno a segno ancora con Bianconcini. Dopo poco, i rossoblù commettono fallo in mischia chiusa sui 5 metri costringendo il direttore di gara ad assegnare una meta di punizione. Ciononostante, i falli proseguono e a farne le spese questa volta è l’estremo Tiozzo, mandato sotto i pali per 10 minuti al 29′.
I gialloblù ne approfittano ancora e nel giro di 6 minuti vanno a segno prima con Pelagatti bravo a raccogliere un passaggio di Borsi, poi con Corazza che raccoglie la palla uscita da una mischia ordinata e va a marcare; la meta finale porta ancora la firma di Borsi che buca di nuovo la difesa e segna in mezzo ai pali. 0-80 allo scadere. L’ultima azione vede un calcio di punizione a favore dei locali che, per colpa di alcuni errori commessi a centro campo dagli ospiti, vanno a marcare in spinta da touche ai 5 metri.

“Secondo mattoncino impilato – le parole di capitan Claudio Borsi a fine match – in attesa di domenica prossima quando, sul campo di casa e davanti al nostro pubblico che aspettiamo numeroso, potremo valutare di che pasta siamo fatti nel confronto diretto con una squadra che punta a salire in Serie A”. Quel Livorno 1931 che, oltre alle mire di classifica, condivide con la Rugby Parma anche l’anno di fondazione.

Coach “Ciccio” Frati si è detto molto soddisfatto della prestazione della sua squadra che non si è mai adagiata sul risultato raggiunto. ma dispiaciuto per la meta marcata dagli avversari all’80’ “che non cancella certo l’ottima prova dei ragazzi, ma che poteva essere evitata”. D’altra parte, compito dell’allenatore è anche quello di trovare il pelo nell’uovo!

IMOLA RUGBY  RUGBY PARMA: 7-80 (pt 0-5)
Marcatori: pt 3’ mt Bianconcini tr Righi Riva, 12’ mt Borsi nt, 18’ mt Modoni M. tr Righi Riva, 28’ mt Modoni M. tr Righi Riva st 1’ mt Righi Riva, 15’ mt Silva tr Righi Riva, 19’ mt Slawitz tr Righi Riva, 22’ mt Bianconcini tr Righi Riva, 27’ mt punizione, 30’ mt Pelagatti tr Righi Riva, 33’ mt Corazza tra Righi Riva, 36’ mt Borsi tr Righi Riva, 40’ mt Cioffi tr Cioffi
Note: 35’ cartellino giallo Carluccio, 69’ cartellino giallo Tiozzo.

RUGBY PARMA: Bianconcini, Orsenigo, Slawitz M. (56’ Ferrarello), Piccioli, Pelizza (60’ Pelagatti), Silva, Righi Riva (V. Cap.), Borsi (Cap.), Modoni M. (41’ Corazza), Slawitz G., Minari (41’ Bondioli), Caselli, Lanfredi (41’ Fiume), Zito (45’ Bonofiglio), Palma (45’ Calì). All. Frati, Fontana
IMOLA RUGBY: Tiozzo, Liverani, Donattini Germani (V. Cap.), Ferretti, Foschini, Martinelli, Carluccio, Magnani, Monterisi, Romano (Cap.), Olivato F., Olivato R., Ferrari, Morigi, Poppa; entrati durante il match: Salvatori, Modeni, Dal Prato, Dal Pozzo, Cioffi, Monduzzi, Giacometti. All. Santandrea

Arbitro: Dario Marzetta (BS)


SERIE C: BARBARI DEL PO CORSARI A NOCETO

Ci hanno pensato i Barbari del Po a completare la splendida tripletta del weekend biancorosso, superando sul Nando Capra gli storici rivali del Rugby Noceto per 20-24.

Dopo le vittorie di HBS e Furie Rosse, i ragazzi di Riaan Mey erano chiamati a un’impresa corsara sul difficile campo gialloblu, impresa portata a termine grazie a un ottimo gioco di squadra e a un atteggiamento decisamente propositivo. Contro un Noceto molto ben organizzato e mai domo, i Barbari sono riusciti a partire subito forte, sfruttando il grande lavoro del mediano di mischia Jacopo Boscolo per imporre il proprio ritmo di gioco e spaccare in due la difesa avversaria. Doppietta per il numero 9 dell’HBS, eletto a fine gara Player Of The Match. Nel secondo tempo la reazione dei padroni di casa ha messo a dura prova la resistenza di capitan Reverberi e compagni, bravi ad unire le forze per respingere l’assedio Nocetano e segnare con Salsi la meta decisiva.

Arrivano dunque 5 punti pesanti che permettono alla cadetta biancorossa di smuovere la classifica e guardare con entusiasmo al prossimo match con la fortissima Rugby Parma.

“Abbiamo fatto un ottimo lavoro in settimana, soprattutto nelle fasi di mischia con il nostro Googie”, ha commentato l’Head Coach dei Barbari Riaan Mey. “In campo si sono visti i risultati, specie negli ultimi 20 minuti dove ci siamo chiusi in trincea per difenderci dall’arrembaggio di Noceto. Sono molto contento della vittoria e dei 5 punti, fondamentali in un campionato che, pur essendo Serie C, preannuncia tutte partite molto combattute e di discreto livello”.

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby