Connect with us

Rugby

Sei Nazioni: Italdonne travolte dall’Inghilterra (67-3)

Sei Nazioni: Italdonne travolte dall’Inghilterra (67-3)

Allo Stadio Lanfranchi di Parma l’Inghilterra si aggiudica il secondo turno del Sei Nazioni femminile, superando 67-3 l’Italia e blindando il primo posto nel girone A del torneo con 10 punti totalizzati in due gare.

E’ comunque un buon inizio di partita quello delle Azzurre che, dopo un’introduzione in mischia per parte, sono autrici di un multifase avanzante nella loro prima azione offensiva.

Le Inglesi si rendono pericolose intorno al 7’, ma si mostrano eccessivamente indisciplinate sui punti di incontro, andando a commettere quattro calci di punizione nel primo quarto d’ora di gioco, contro i due delle Italiane.

Furlan e compagne ne approfittano e al 17’ entrano per la prima volta nei 22 avversari, sfumando però la costruzione della maul.

Nel momento di maggior confidenza nel loro gioco, le padroni di casa soffrono però la doppia marcatura delle Red Roses che volano in meta al 23’ col break vincente di Scarratt e al 30’ con Fleetwood, brava ad alimentare l’azione offensiva delle compagne.

Al 34’ al quinto fallo delle Britanniche, Aurelie Groizeleau estrae il cartellino giallo a scapito del n° 13 Scarratt, punita per un placcaggio alto. Alla piazzola si presenta Michela Sillari che da posizione centrale non sbaglia e firma i primi punti per i suoi.

Meno di due minuti dopo, al piede di Sillari risponderà quello di Rowland che punisce un fuorigioco azzurro con 3 punti, fissando il parziale di gara sul 3-17 quando siamo al 37’.

Sono gli ultimi punti del primo tempo che si chiude sulla buona difesa dell’Italdonne che rientrano negli spogliatoi dopo aver forzato una controruck ed aver spedito l’ovale direttamente fuori.

Ritmi più bassi a inizio ripresa, complici un paio di errori di handling da parte del XV di coach Di Giandomenico e qualche fallo di troppo delle rivali. I primi punti del secondo tempo arrivano al 47’ dal piede di Scarratt che centra i pali dopo l’uscita dal campo di Arrighetti, sostituita con Bettoni per un problema al braccio.

Hunter e compagni salgono di colpi e portano tanta pressione alle padrone di casa, schiacciate nei loro 22 e costrette a rifugiarsi nell’indisciplina. Al 54’ a farne le spese è Sara Barattin che va a sedersi sulla panca dei puniti per 10’.

In situazione di superiorità numerica, le giocatrici in maglia bianca non faticano a trovare la via della meta. Lo fanno con l’ala Abby Dow al 55’ e ancora al 61’, al 59’ con la neoentrata Miller-Mills e al 60’ con la n° 10 Rowland, con Scarratt che completa il gioco da 7 punti in tutte e quattro le occasioni, fissando lo score sul 3-48 al giro di boa della ripresa.

Coach Middleton svuota la propria panchina ma le Red Roses non accennano ad abbassare il ritmo di gioco, schiacciando l’ovale in area di meta per la nona volta, questa volta con Bryony Cleall che conduce la maul avanzante delle Red Roses.

Al 71’ e 72’ momento di gloria per Gaia Maris e Alyssa D’Incà che bagnano il loro esordio ufficiale con la maglia dell’Italdonne.

Le Azzurre lottano con orgoglio nei minuti finali del match, ma iniziano a patire la troppa stanchezza. Le ospiti ne approfittano, segnando la loro decima marcatura al 79’ con MacDonald e mettendo il punto esclamativo sulla partita con Davies. Da posizione centrale, Scarratt converte il decimo ma non l’undicesimo tentativo dalla piazzola, fissando il punteggio finale sul 67-3.

Italia v Inghilterra 3-67
Marcatori: p.t. 23’ Scarratt tr Scarratt (0-7); 30’ Fleetwood tr Scarratt (0-14); 35’ cp Sillari (3-14); 37’ cp Rowland (3-17); s.t. 7’ cp Scarratt (3-20); 15’ Dow tr Scarratt (3-27); 18’ Miller-Mills tr Scarratt (3-34); 20’ Rowland tr Scarratt (3-41); 22’ Dow tr Scarratt (3-48); 31’ Cleall B. tr Scarratt (3-55); 39’ MacDonald tr Scarratt (3-62); 40’ Davies (3-67)
Italia: Furlan (Cap); Muzzo (s.t. 31’ Maris), Sillari, Rigoni (s.t. 32’ D’Incà), Magatti; Madia, Barattin (s.t. 24’ Stefan); Giordano, Franco (s.t. 24’ Veronese), Arrighetti (s.t. 4’ Bettoni); Duca, Fedrighi (s.t. 26’ Locatelli); Gai, Cammarano (s.t. 26’ Sgorbini), Skofca. All. Di Giandomenico
Inghilterra: Kildunne; Breach (60’ McKenna), Scarratt, Jones (s.t. 18’ Harrison), Dow; Rowland, Riley (s.t. 22’ MacDonald); Hunter (cap.) (s.t. 14’ Cleall P.), Fleetwood, Matthews; O’Donnell (s.t. 16’ Millar-Mills), Aldcroft; Brown (s.t. 19’ Cleall B.), Cokayne (s.t. 19’ Davies), Cornborough (s.t. 17’ Botterman). All. Middleton

(Foto di Lorenzo Cattani per Sportparma)

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma

Commenti Recenti

Altro in Rugby