Connect with us

Rugby

Zebre, Bradley rinnova fino al 2022: «E’ un grande onore»

Zebre, Bradley rinnova fino al 2022: «E’ un grande onore»

Le Zebre e coach Bradley continueranno il proprio percorso – nato nell’estate del 2017 – fino al 2022. Nel segno della continuità, della crescita e della progettualità. Le basi del presente e del futuro. E’ di oggi l’ufficialità del rinnovo del contratto dell’allenatore irlandese con le Zebre per altre due stagioni: scadenza 30 giugno 2022.

“Ringrazio Andrea Dalledonne per la fiducia: sono molto contento di dare continuità al progetto iniziato con le Zebre, per me è un grande onore avere la responsabilità di allenare questa squadra. Costruire sulle basi del lavoro già svolto nelle ultime tre stagioni rappresenta una grande opportunità – commenta l’head coach della franchigia federale Michael Bradley –. Il futuro delle Zebre riguarda il miglioramento delle qualità individuali di ogni giocatore, investendo tempo ed energie nello stile di gioco per raggiungere prestazioni esaltanti e vittorie. Voglio congratularmi con ogni giocatore che in questi ultimi tre anni ha potuto esordire con l’Italia. Un ringraziamento speciale ai miei assistenti allenatori Carlo Orlandi e Alessandro Troncon, allo staff di preparazione atletica e medico-fisioterapico e anche ai dirigenti del club; tutti hanno dimostrato quotidianamente positività e grande professionalità. Ci sono state delle difficoltà, ma siamo fiduciosi di muoverci verso la direzione giusta: lo Zebre Rugby Club è una realtà di cui atleti, tecnici e dirigenti vorranno sempre più far parte per la qualità del rugby e per la positività dell’ambiente. A Parma abbiamo la bella sfida di costruire un legame ancor più forte con i partner, con i tifosi e con i club del territorio. Sono le tre leve che ci permetteranno di raggiungere delle prestazioni sempre migliori e ancora più vittorie”.

Nato a Cork il 17 novembre 1962, l’ex mediano di mischia della Nazionale Irlandese – con la quale vanta 40 presenze da titolare tra il 1984 e il 1995- è al suo terzo anno alla guida della formazione italiana che partecipa ai due tornei internazionali di Guinness PRO14 e Challenge Cup. Ad oggi, l’ex n° 9 del Cork Constitution e del Munster è il tecnico che ha presieduto la panchina delle Zebre più di ogni altro.

A dare fiducia e continuità al lavoro del 57enne è soprattutto il buon gioco offensivo che l’Irlandese ha portato con sé dall’isola d’Oltremanica. Si tratta di un rugby molto propositivo che in attacco ama la ricerca degli spazi alla mano e la continuità nelle azioni, mentre in difesa predilige portare pressione ai giocatori avversari, cercando di metterli in difficoltà con una salita difensiva arrembante.

Bradley ha già scritto pagine importanti della storia delle Zebre; il suo rinnovo garantirà continuità al positivo progetto di crescita dei migliori giovani italiani e di sviluppo del club.

Sotto la direzione tecnica dell’Irlandese tante giovani promesse hanno infatti potuto sviluppare le loro qualità tecniche e proseguire nel loro percorso di crescita, raggiungendo quindi la convocazione nel gruppo della Nazionale maggiore.

Mentre i vari Michelangelo BiondelliDanilo Fischetti e Marco Manfredi sono ancora a caccia del loro primo cap in Azzurro, nell’era Bradley hanno esordito con l’Italia i due flanker Giovanni Licata e Renato Giammarioli, l’estremo Matteo Minozzi, il seconda linea italo-inglese David Sisi, il pilone Giosuè Zilocchi e i due equiparati Johan Meyer e Jimmy Tuivaiti.

Dopo aver coronato la sua prima esperienza a Parma col record annuale di vittorie in Guinness PRO14 (7) ed aver chiuso la stagione passata con un attivo di tre successi in campionato celtico ed altrettanti in Challenge Cup, l’ex ct ad interim della Nazionale Irlandese nel 2008 ha già ottenuto quest’anno un pareggio contro gli Inglesi Bristol Bears, leader imbattuti del Girone 4 di coppa, e quattro vittorie con punto di bonus, di cui due in Guinness PRO14 e due in Challenge Cup.

Quest’ultime sono giunte, in ordine di tempo, contro i Gallesi Dragons a Newport, i Francesi del Brive a Calvisano, i Sudafricani Cheetahs a Parma e lo Stade Français a Parigi. Il XV di Bloemfontein e il club della capitale francese, in particolare, non erano mai stati sconfitti dalle Zebre dal 2012 -anno di fondazione della franchigia federale- ad oggi.

Complessivamente, tutti e cinque i risultati utili sono stati raccolti nell’arco di 50 giorni a partire dal rientro delle Zebre Azzurre dalla Rugby World Cup 2019, con una media di uno ogni 10 giorni distribuiti dallo scorso 30 novembre al 18 gennaio 2020. Il dato testimonia la crescita del gioco che Bisegni e compagni sono stati in grado di esprimere nelle ultime settimane sotto l’attenta supervisione del capo allenatore irlandese.

Già head coach del Connacht dal 2003 al 2010, Bradley ha anche guidato nel 2011 la Nazionale Georgiana alla vittoria del Grande Slam nella prima divisione dell’allora European Nations Cup, mentre tra 2011 e il 2013 ha presieduto la panchina dell’Edinburgh Rugby, semifinalista nell’edizione del 2011/12 della massima coppa europea Heineken Cup.

Soddisfazione per l’accordo da parte dell’amministratore unico delle Zebre Andrea Dalledonne“Col rinnovo di Bradley possiamo dare seguito al processo cominciato tre anni fa quando il tecnico irlandese decise di credere, nonostante le difficoltà iniziali della stagione 2017/18, nel nostro progetto; abbiamo costruito una nuova solida identità societaria e tecnica delle Zebre. Ringrazio Bradley perché, grazie anche alla sua grande esperienza di club, mi è stato vicino come guida, soprattutto nel primo anno dove abbiamo condiviso questa nuova avventura insieme, fornendo un ausilio costante nei momenti difficili che sono stati tanti. Questo accordo è la migliore base per guardare con fiducia al futuro della squadra e delle Zebre”.

“Un rinnovo fondamentale e importante per dare continuità ad una squadra costruita secondo la sua filosofia di rugby – commenta il team manager delle Zebre Andrea De Rossi –. Michael, oltre ad essere un ottimo tecnico, ritengo che abbia fatto fare un passo in avanti alla squadra e alla società sotto l’aspetto della mentalità. E’ riuscito a cambiare nella quotidianità l’approccio di allenamento e la metodologia del lavoro, responsabilizzando i leader, variando più volte il capitano fino ad arrivare ad individuare in Giulio Bisegni la persona più indicata a guidare la squadra in assenza di Tommaso Castello. Molto attento ai particolari e nella preparazione delle sfide, è un allenatore che guarda avanti, che non lascia nulla al caso e che dà tantissima fiducia al suo staff tecnico. Anche per me è stato un punto di riferimento e di aiuto nei momenti di difficoltà”.

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement
Advertisement

Altro in Rugby

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br>Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -<br><br> Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi