Entra in contatto:

Rugby

Zebre, Mbandà rinnova fino al 2023: «Scelta di cuore»

Zebre, Mbandà rinnova fino al 2023: «Scelta di cuore»

Il terza linea delle Zebre Rugby e della Nazionale Maxime Mbandà si lega alla franchigia federale fino al 30 giugno 2023. Il 29 volte Azzurro ha infatti rinnovato per altre due stagioni il suo contratto col club con sede a Parma, città in cui vive stabilmente e con soddisfazione dall’estate del 2016.

Nato a Roma da padre congolese e madre beneventana, Maxime è cresciuto a Milano, avvicinandosi al rugby all’età di otto anni dopo una prima esperienza nel nuoto e nel calcio.

Nel corso della sua carriera giovanile il flanker 28enne ha vestito i colori dell’Amatori Rugby Milano, quindi quelli del Rugby Grande Milano.

Nel 2012 avviene il suo passaggio nell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato” con cui troverà anche la maglia della Nazionale U20, vincitrice nel 2013 del Mondiale di categoria in Cile.

A partire dalla stagione 2013/14 Mbandà entra a far parte della rosa del Rugby Calvisano, laureandosi campione d’Italia nel 2014 e nel 2015, vincendo anche il Trofeo Eccellenza in quello stesso anno. Oltre al debutto nel massimo campionato italiano e in Challenge Cup, arriva anche quello con le Zebre Rugby in qualità di permit player.

Mbandà esordisce con i bianconeri il 1 marzo 2015 allo Stadio Lanfranchi di Parma nella sfida contro i Gallesi Dragons. Già protagonista con la maglia dell’Italia Emergenti, il giovane terza linea entrerà in pianta stabile nello spogliatoio della franchigia federale a partire dalla stagione 2016/17.

Il 18 giugno 2016 il flanker colleziona il suo primo cap con la Nazionale maggiore, scendendo in campo a San Jose nel test match vinto contro gli Stati Uniti. Ad oggi sono 29 le presenze con gli Azzurri del 28enne che ha anche rappresentato l’Italia nella Coppa del Mondo del 2019 in scena in Giappone.

Maxime – 63 gare ufficiali e 5 mete segnate con le Zebre – è anche noto per il suo impegno nel mondo dei diritti civili e del sociale. Oltre ad esprimere il suo costante sostegno verso la squadra di richiedenti asilo di Casale Monferrato (AL) Le Tre Rose Nere, il 28enne si è distinto lo scorso anno come volontario dell’associazione SEIRS Croce Gialla Parma, prestando servizio sulle ambulanze e nei reparti “covid” degli ospedali di Parma e provincia. La sua attività di volontariato non è passata inosservata agli occhi del Capo di Stato Sergio Mattarella che nel giugno del 2020 lo ha insignito Cavaliere al merito della Repubblica, il più alto degli ordini dello stato italiano.

Le dichiarazioni di Maxime Mbandà, al suo secondo rinnovo con le Zebre Rugby: “È stata una scelta fatta col cuore. Questa squadra e questa città mi hanno accolto cinque anni fa. In questi anni ho gioito e sofferto sul campo e fuori e sia le Zebre che Parma stessa mi hanno coccolato e fatto sentire come se fossi uno di famiglia, così tanto da farmi pensare che questa sia la mia seconda casa e mettermi addirittura nelle condizioni ideali per dare i Natali a mio figlio. Il mio posto è qui, e so che posso dare ancora molto in futuro per sdebitarmi”.

(Foto di Lorenzo Cattani per Sportparma.com)

 

 

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby