Entra in contatto:

Rugby

Zebre, ultime ore di sottoscrizione quote per rimanere a Parma

Zebre, ultime ore di sottoscrizione quote per rimanere a Parma

Mancano poche ore alla scadenza. Al Consiglio Federale di domani dovrà pervenire la manifestazione d’interesse per rilevare il capitale sociale delle Zebre, ora al 100% federale, da parte di privati, persone fisiche e/o giuridiche, in modo che resti a Parma. Come già scritto, la mobilitazione c’è stata, e c’è tuttora, così come c’è sempre stato un certo ottimismo, pilotata dalle anime ducali più in vista ovvero Giancarlo Dondi e il consigliere federale Stefano Cantoni. Il “treno” per la volata si sta infoltendo poiché per rilevare i 300 mila euro in questione (poi occorrerà aggiungere qualcos’altro, volendo, per la gestione delle successive stagioni sportive, quanto meno per le prossime tre ovvero “a fine secondo mandato celtico” per le quali andranno predisposti progetti, obiettivi e strategie che finora sono stati parziali) è stata lanciata, in sostanza, una sorta di azionariato popolare per coinvolgere, principalmente il territorio parmense ma anche quello allargato al nord-ovest, con cui la franchigia si appella e si vuol identificare. Mai come ora “Io ci sono”, quindi. E per esserci occorreva, occorre, sottoscrivere quote da 1000 euro cadauna. A questo appello per raggiungere l’obiettivo si è aggregata anche l’associazione Amici del Rugby che ha girato la proposta ai propri associati. Raggiunto l’obiettivo, la presidenza delle Zebre verrebbe proposta a Giancarlo Dondi, attuale Presidente Onorario Fir nonché membro del World Rugby. In ogni caso, proseguono le trattative per rinnovare la rosa, anche in virtù delle partenze di Leonard e Vunisa, che non saranno le uniche.

Commenti
Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Rugby