Connect with us

Altri Sport

Intervista all’Assessore Marani, parte seconda

Intervista all’Assessore Marani, parte seconda

Dei grandi impianti cittadini in sofferenza, da più o meno tempo, sono tre quelli maggiormente in evidenza: il PalaRaschi, il Lauro Grossi e il Nino Cavalli, quest’ultimo inaugurato per i mondiali del 2009 ma che fa acqua, nel vero senso del termine, già da qualche anno; più un paio di altri piccoli impianti da riportare in uso, vedi il campo sportivo di Vicofertile bloccato e la palestra del centro Aldo Notari, ex Quadrifoglio, lasciata a marcire per decenni: «Quest’ultima riaprirà a settembre dopo che per vent’anni è stata una cattedrale nel deserto e questo grazie all’impegno dell’Inzani ma anche al fatto che questa Amministrazione è riuscita a sbloccare la situazione. Bella forza, può obiettare qualcuno, “non c’avete messo soldi”: però non è mai stato fatto nulla prima».

PalaRaschi: «Abbiamo steso ipotesi di intervento, cifre importanti ma sostenibili, con Vigili del Fuoco e chi di competenza arrivando a un’agibilità per 2000 persone; a breve interverremo in modo da aumentare la capienza in modo tale da ospitare eventi sportivi anche di “categoria superiore”. I problemi d’infiltrazione? Ci sono dal ’94, non credo sia il problema principale: intanto portiamoci a casa il fatto di poterlo usare, poi qualcuno ci penserà a imbiancarlo, a farlo più bello … ». Forse servirà qualcosa in più di un’imbiancatura … L’Assessorato conta di averlo certificato per il 2017. Sul PalaRaschi, però, c’è anche un aneddoto risalente a un paio di mesi fa, in piena bagarre per le varie “pseudo cordate” interessate a rilevare il Parma calcio. Uno di quei sedicenti interessati era tale Eugenio De Paolini Del Vecchio, la cui fedina penale è ormai nota, il quale si recò al palazzetto, presente anche l’Assessore Marani, con idee di ristrutturazione che prevedevano, anche, un ristorante: «L’Assessore l’ha conosciuto lì – precisa Marani-. C’è stato qualcuno che mi ha riferito di una persona interessata, affidabile, con delle possibilità; io vado lì, per curiosità, lui tra l’altro è arrivato con tre quarti d’ora di ritardo, si presenta, io non sapevo minimamente chi fosse, e dice che “qui buttiamo giù questo, qui farei così … “. Poi sparisce e dopo una settimana lo vediamo sui giornali».

Passiamo al Nino Cavalli che ha, da qualche mese, due coperture: la tettoia e un paio di gualdrappe a copertura degli spalti siti sopra i due dug-out, ove le infiltrazioni hanno iniziato a fare il loro lavoro già a partire dal secondo anno di vita dell’impianto; dopo sei anni sembra ne abbia cinquanta: «La perizia di questi giorni ci dirà come intervenire, se le coperture si riescono a fare e quanto costano, perché c’è anche un discorso logistico. Se la spesa è sostenibile, nel piano di STT c’è un capitolo di spesa per la copertura. Questa è una situazione vergognosa: c’è una causa in corso, come è noto». Qualcuno lamenta la tempistica: con tutto il tempo in cui rimane fermo il campionato … Speriamo, in ogni caso, che la magagna possa essere sistemata.

Il Lauro Grossi avrebbe la pista da rifare, per dirne una: «C’è da rifare la pista, stiamo rifacendo il Lottici ma abbiamo anche fatto una cosa che non ha mai fatto nessuno: verificare quanto costerebbe mettere a norma le tribune che, strano ma vero, non hanno un fascicolo dedicato presso chi di dovere». E qui, Marani lancia una frecciatina: «Che rapporto c’è stato tra le varie Amministrazioni e chi deve certificare la norma? Per esempio, è normale che quando sono iniziati i lavori per l’ultimo stralcio dell’allora XXV Aprile, quando ci siamo confrontati col Coni loro non avevano censito quell’impianto ma era soltanto un prato?».

Da tanti anni, Parma è una città europea dello sport: lo fu ufficialmente nel 2011. Sembrano tempi lontani, per certi versi. Parma ha sempre avuto grande visibilità europea, grazie a molte squadre che hanno viaggiato in lungo e in largo nel vecchio continente, viaggi che, purtroppo, sono sempre meno frequenti. L’auspicio è che lo sport, a Parma, riesca a trovare non dei “capitani d’avventura”, ce ne sono stati alcuni anche locali, ma sinergie nuove con il settore economico. A tal proposito, sorge spontanea una considerazione sulle Zebre che, volenti o nolenti, sono una realtà di Parma, adottiva ma di Parma e ora non più federale, e per la quale l’Assessore rivela un aneddoto: «Non vi rendete conto di quante telefonate ho ricevuto da commercianti preoccupati quando era uscita la notizia sull’eventualità che andassero via da Parma».

Commenti su Facebook

Commenti

SportParma
Commenti

Commenti Recenti

Altro in Altri Sport