Entra in contatto:

Tennis

ER Cup Tc President: Pellegrino firma l’unico successo italiano

ER Cup Tc President: Pellegrino firma l’unico successo italiano

Si è aperto sui campi in terra rossa del Tennis Club President di Montechiarugolo con il primo turno di qualificazioni l’Emilia-Romagna Tennis Cup, torneo ATP Challenger 125 organizzato da Master Group Sport in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, seconda manifestazione più importante d’Italia dopo gli Internazionali BNL del Foro Italico (€ 134.920 di montepremi). Gli oltre 30 gradi e un sole cocente hanno reso ancora più infuocati i match iniziali in programma, accompagnati subito da un’ottima cornice di pubblico.
UNICO SUCCESSO ITALIANO DI PELLEGRINO – L’unico atleta azzurro a superare il turno d’esordio è Andrea Pellegrino, in controllo nonostante un primo set lottato su Alexander Weis (64 62).
Se il termometro del livello di un Challenger è rappresentato dalle qualificazioni, la presenza di Pellegrino la dice lunga su quello degli Internazionali emiliani: il pugliese allenato da Luca Vanni, 187 al mondo, appena due settimane fa trionfava nel Challenger 80 di Vicenza, mentre qui a Parma è costretto a passare dalla trappola delle quali per conquistarsi un posto al sole (al turno decisivo domani se la vedrà contro il rumeno Nicholas David Ionel). Il resto della truppa italiana impegnata nel tabellone cadetto saluta Parma già il primo giorno.

A dir poco beffarda la sconfitta di Gabriele Piraino (774 al mondo), bravissimo a mettere sotto torchio per due ore e mezzo Nicolas Barrientos, che lo precede di oltre 400 posizioni nel ranking ATP, prima di sprecare due match-point sul punteggio di 6-5 al terzo. Oltre al diciannovenne palermitano escono di scena Lorenzo Bocchi (63 63 per Boscardin), Daniele Capecchi (61 62 per Geerts) e Edoardo Lavagno (46 64 61 per Domingues).

FOCUS SUL TABELLONE PRINCIPALE – A partire da lunedì 13 giugno si apre un tabellone principale di livello altissimo, con la presenza di otto tennisti tra i primi cento della classifica mondiale guidati da Federico Coria (65 al mondo, testa di serie numero 1), Dusan Lajovic (69 al mondo) e Hugo Dellien (85 al mondo).
Occhi puntati sui dieci italiani inseriti nel main draw, comprese le wild card Francesco Passaro e Luca Nardi, due giovanissimi in rampa di lancio nel circuito professionistico maggiore. Proprio Nardi darà vita al primo turno ad un attesissimo derby contro Marco Cecchinato, ex numero 16 al mondo e semifinalista al Roland Garros nel 2019.

Il sorteggio ha messo di fronte al debutto ben tre sfide tutte tricolori: oltre a quella già citata, Salvatore Caruso contro Alessandro Giannessi e Gianluca Mager contro Giulio Zeppieri, entrato in tabellone grazie ad una wild card concessa dagli organizzatori così come il croato Borna Coric, ex numero 12 al mondo opposto al nostro Franco Agamenone.

 

Pubblicità

Commenti Recenti

Pubblicità
Pubblicità

Altri articoli in Tennis