Connect with us
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner

Felino – Agazzanese 5-2, highlights e interviste

Eccellenza gir. A

Felino – Agazzanese 5-2, highlights e interviste

Inizia in grande spolvero il 2020 del Felino: un successo netto e meritato, con tanto di manita rifilata all’Agazzanese nel recupero della diciassettesima giornata, permette ai rossoblù di ritrovare il sorriso dopo 5 sconfitte consecutive a cavallo tra i mesi di novembre e dicembre.

I padroni di casa, orfani dello squalificato mister Osio (in panchina c’è il vice Girotti), abbandonano la difesa a 3 e si ripresentano con il vecchio modulo. Nel 4-3-3 la novità riguarda Davighi che, in assenza degli esterni Pasini e Digiuseppe, viene schierato come terzino destro, mentre Pappalardo e Trezza compongono la coppia centrale; in attacco, assieme a Mora e Lancellotti, debutta l’ex Piccardo Leveh.
L’Agazzanese, messa in campo da Binchi, risponde con un più prudente 5-3-2: il grande assente è il portiere Daffe, sostituito dal giovane Di Maio; a comandare la difesa c’è il nocetano Reggiani, in mediana la cerniera è formata da Makaya, Lombardi e Gueye e in attacco giocano Farina e Minasola.

Il Felino inizia subito con maggiore piglio e già al 7′ Mora riceve sulla destra un pallone invitante, ma da buona posizione il numero 11 non dà al pallone i giri giusti per un cross efficace. La gara si sblocca già al 14′ in favore dei padroni di casa che colpiscono sulla corsia di destra: dopo un recupero palla alto, Leveh apre in area per Mora che a, sua volta, gira per Lancellotti che supera Di Maio infilandolo tra le gambe. L’1-0 sembra spianare la strada al Felino che, invece, incassa l’immediata replica dell’Agazzanese: è il 16′ quando da una punizione defilata sulla sinistra Gueye sorprende Stefanini con una parabola sul primo palo che vale l’1-1. La fase iniziale della gara regala altre piacevoli sorprese: infatti, non passa neanche un minuto dal gol dell’Agazzanese che, in un’azione fotocopia della prima marcatura, Lancellotti riceve il suggerimento di Crescenzi e con freddezza sigla la doppietta. Al 19′ Leveh sfonda sull’out di destra e crossa per Crescenzi che di prima intenzione costringe Di Maio alla respinta. Dopo altri due giri d’orologio il Felino arriva al terzo gol: la firma è di Leveh che, sulla verticalizzazione di Basso, fa scorrere il pallone e lo incrocia con precisione sul palo lontano, là dove Di Maio proprio non può arrivare. I ritmi restano elevatissimi e i parmensi sono sempre minacciosi negli ultimi 25 metri: l’indemoniato Leveh al 35′ cerca di segnare pure in rovesciata sul traversone di Mora, ma la mira è imprecisa. Il poker è nell’aria e viene servito al 37′: dopo l’uscita sconsiderata del portiere Di Maio, che viene aiutato dai compagni sulla conclusione di Lancellotti, Basso recupera il possesso e, dopo uno slalom gigante in area, scaraventa il pallone in fondo al sacco.

Il Felino, non pago del vantaggio, parte all’attacco anche a inizio secondo tempo. Dopo 2′ Leveh riceve il traversone dalla sinistra di Ferrari e di testa colpisce in pieno la traversa. Poi, al 10′ arriva addirittura la cinquina e anche stavolta c’è lo zampino di Leveh che non perdona il goffo errore in disimpegno di Lombardi e permette a Davighi di scavalcare con un tocco sotto il portiere.
Emozioni finite? Neanche per sogno. A questo punto il team della val Luretta tira fuori l’orgoglio e si fa vedere in avanti. Al 16′ ci prova Farina con un tiro al volo da lontano che esce di poco; poi al 17′ arriva la deviazione vincente di Minasola che da due passi corregge il tiro sporco di Corti autore di un pregevole spunto individuale. Gli ospiti, però, concedono ampie praterie ai felinesi che in contropiede potrebbe in più di un’occasione allargare il punteggio: al 23′, Crescenzi, servito in ripartenza da Lancellotti, impegna alla respinta in tuffo il portiere; al 25′, invece, il nuovo entrato Cissè, dopo 60 metri di corsa incontrasta, salta Di Maio in uscita, ma col mancino non trova lo specchio; infine, al 41′, è sempre Cissè a sfiorare il gol con una conclusione che esce per una questione di centimetri alla destra del portiere piacentino.

FELINO-AGAZZANESE 5-2
Reti: pt 14’ Lancellotti (F), 16’ Gueye (A), 17’ Lancellotti (F), 21’ Leveh (F), 37’ Basso (F); st 10’ Davighi (F), 17’ Minasola (A)

FELINO: Stefanini, Davighi. Ferrari (13′ st Cissè), Trezza, Basso, Pappalardo (45′ st Fumi), Lancellotti, Gennari (24′ st Cittadino), Leveh (13′ st Mossini), Crescenzi (39′ st Adofo), Mora.
A disposizione: Oppici, Guastalla, Beatrizzotti, Ingegnoso. All. Girotti (Osio squalificato).
AGAZZANESE: Di Maio, Bocchi (1′ st Corti), Vago (22′ st Cargnelutti), Reggiani, Cavicchia (26′ st Poggi), Forni (28′ pt Cosi), Lombardi, Makaya (16′ st Laanaia), Farina, Gueye, Minasola.
A disposizione: Bertuzzi, Metti. All. Binchi.
Arbitro: sig. Nicolò Zammarchi di Cesena.
Assistenti: sig. Luca Casoni e sig. Marco Nasi di Reggio Emilia.
Note: campo “Bonfanti” di Felino; terreno in discrete condizioni. Ammoniti: al 33′ pt Ferrari (F), 3′ st Pappalardo, al 26′ st Mossini (F), al 46′ st Reggiani (A) per gioco falloso, al 42′ st mister Girotti (F) e mister Binchi (A) per proteste. Corner: 5-4. Recupero: 2′ pt, 5′ st.

Commenti
Contenuto non disponibile senza accettazione normativa privacy (GDPR).
Perfavore accetta la nostra policy sulla privacy e i cookie cliccndo ACCETTA sul banner
Advertisement
Advertisement

Commenti Recenti

Advertisement

Altro in Eccellenza gir. A

Cliccando "ACCETTA" approvi la nostra policy su privacy, gestione dati e utilizzo cookie in base alla normativa vigente (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -
Clicking on "ACCETTA" you approve our privacy, data management and cookie policy (GDPR n. 679/2016 e DLgs n. 196/2003) -

Maggiori informazioni/More Info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi